POLITICHE SULLA TERZA ETA’ DEL COMUNE DI MOGLIANO VENETO

COMUNICATO STAMPA

Presentata un’interpellanza dal Movimento Cinque Stelle

Mogliano Veneto, lì 20/11/18. E’ stata presentata dal Movimento Cinque Stelle un’interpellanza avente ad oggetto le politiche sulla Terza Età dell’attuale Amministrazione.
“Vogliamo sapere se questa Amministrazione ha un quadro preciso di quante persone anziane vivono situazioni di difficoltà nel nostro territorio, oltre a quelle conosciute attraverso le richieste di assistenza; quali azioni sono state messe in atto per individuare situazioni critiche della popolazione anziana.
Come fa un anziano inabile, non autosufficiente o parzialmente autosufficiente, solo, con gravità e/o con risorse parentali insufficienti a chiedere assistenza? Non è previsto dal regolamento, e non sono conosciute altre modalità per accedere al servizio. Il “Regolamento del Servizio di Assistenza Domiciliare” attualmente in vigore, prevede infatti che l’assistenza venga assegnata, in presenza di determinati criteri, solo successivamente alla presentazione della domanda di assistenza sociale da parte dell’utente o di altra persona che ne abbia la cura.
Manca inoltre un coordinamento tra Comune e le realtà associative del territorio, funzione un tempo svolta dalla “Consulta per la Terza Età”. Perché questa Amministrazione non l’ha istituita?
Le stime Istat ci dicono anche che, nel 2030, potrebbero arrivare a 4 milioni e mezzo gli ultra 65enni che vivranno da soli, e di questi, 1 milione e 200mila avrà più di 85 anni. Si potrebbe avere un’impennata del numero di persone non autosufficienti.
È evidente, quindi, che le cure sul territorio non rappresentano più un’opzione, ma un obbligo per dare una risposta efficace alla fragilità e alla non autosufficienza dei nostri anziani, che si accompagnerà anche a una crescente solitudine.
Alcune situazioni critiche di persone anziane, a volte sfociate in epiloghi drammatici, anche nella nostra comunità locale, ci evidenziano come il tema della autonomia, fragilità e non autosufficienza nella Terza Età, non sia ancora affrontato con la necessaria attenzione.
Riteniamo sia doverosa una riflessione da parte dell’intero Consiglio Comunale sulle politiche sociali e sul sistema di assistenza di questa Amministrazione.
Si dovrebbero, a nostro avviso, applicare modalità nuove o diverse per conoscere i bisogni e le esigenze di assistenza e di cura per gli anziani soli o comunque non totalmente autosufficienti, ricercare innovativi strumenti flessibili e dinamici che portino a nuovi progetti.
Vorremmo pertanto sapere quali azioni ha posto in essere l’Amministrazione Comunale in questi anni, per rispondere alle esigenze “primarie” di questa fascia debole della popolazione”.

Seguici su: